domenica 2 novembre 2008



Brutta situazione quella della mia famiglia, è un momento molto delicato...se vogliamo dirla con ottimismo, ma da ben due mesi sia io che mio marito non prendiamo lo stipendio.Ovviamente mi tocca spiegare alcune cose: Mio marito lavora in una cooperativa mista che si occupa di smaltimento rifiuti (per dirla in parole povere lo spazzino), io invece per un'altra cooperativa mista che si occupa di assistenza sociale e la mia mansione nello specifico è assistente domiciliare ai disabili. Le cooperative in cui lavoriamo ha una maggioranza societaria del comune. La storia è un po' complicata, e anche alquanto tediosa, e l'unica certezza è che due mesi sono già trascorsi e chissà quanto passerà per vedere un €. Ma non mi voglio arrendere al pessimismo e anche se dovremo dare fondo ai risparmi, non voglio darla vinta a chi mi domanda con compatimento, come facciamo e come faremo. Sono arrabbiatissima, e chi non lo sarebbe?Per questo motivo a volte non ho poi tanta voglia di scrivere, per non stare a lamentarmi.La quotidianità è già fin troppo problematica, e mi sono ritagliata questo spazio in cui mi rilasso e mi diverto a mettermi alla prova nella mia ignoranza informatica.Non ho mai fatto nessun corso a parte quello di dattilografia e stenografia. Quando accesi la prima volta il PC tremavo di paura che potessi combinare chissà che disastro. Poi una mia amica mi disse di rilassarmi e di provare e riprovare, perché solo così avrei potuto imparare. Ed ora eccomi quì, a mettere insieme pensieri, parole, sogni, desideri.Ad incontrare virtualmente nuovi amici, altri sogni altri desideri, sempre quì e sempre in quel mistero che si chiama Internet.

Quindi approfittando di questo post che è stato un troppo triste, invio a tutti un buon Hallowen

2 commenti:

ღღ Š î $↕ Ŧ ۞ ღღ ha detto...

Vedrai che le cose si aggiusteranno.Sii fiduciosa.
Tanto parlano tanto ma di questi lavoratori ne abbiamo bisogno.
Ciao o auguro una buona settimana
Sisifo

Maurizio ha detto...

E' un momento critico per molti Lea... ma non dobbiamo perdere la fiducia e la speranza... le cose miglioreranno... nei sacrifici, ma miglioreranno... dobbiamo crederci..
Un abbraccio

Le cose che ho - Giò Di Tonno

Ho passato l'età in cui davo più importanza al ritmo e alla musica, ora non mi interessano le canzoni o la musica se non mi danno emozione. Vi invito ad ascoltare questa canzone, ed ho aggiunto anche il testo per rendere più facile comprendere, come questa canzone, che potrebbe essere molto triste (perchè Giò di Tonno l'ha dedicata ad un amico scomparso qualche tempo fà) poi nelle parole recitate da Giancarlo Giannini nel finale, diventa una canzone di speranza.

"Ho un piano per resistere
e motivi per andare via
ho un albero di mandorle
proprio di fronte casa mia
ho cicatrici inutili
e poi cieli sempre blu
ho amici consapevoli
e qualcuno che non cerco più
ho voglia di comprendere
ma forse poi mi pentirò
ho scarpe da ginnastica
e libri che non leggerò
ho sogni labirintici
ma neanche una fotografia
ho un ciondolo d’argento
e un motivo per andare via
e poi
per ogni posto che vedrò
per ogni strada che farai
continuiamo a camminare un po’
per tutti i sogni che farò
per ogni cosa che vedrai
ché alla fine quello che io ho
non ha ragione d’essere
senza te
ho cose che non uso mai
e una stanza per le novità
ho foglie sopra il tavolo
e un debito con la realtà
ho corridoi di nuvole
e il mare un po’ più in là
ho nostalgia di credere
e un piano per restare qua
e poi per ogni posto che vedrò
per ogni strada che farai
continuiamo a camminare un po’
per tutti i sogni che farò
per ogni cosa che vedrai
ché alla fine quello che io ho
non ha ragione d’essere
senza te

c’è sempre un motivo per andare
e c’è sempre un motivo per restare
amico mio
e in mezzo il cuore batte
col rumore della cassa
e in mezzo si combatte
in mezzo il tempo passa
perché questo cuore è vivo
perché il cuore è una clessidra
e ci sei tu e ci sono io
e c’è la vita in un granello
e poi l’amore, certo l’amore,
sempre quello
che distrugge e risolleva
che esalta e che fa male
ma rimedia alla tristezza
di ogni attimo che fugge
da sempre,
sempre uguale
come la brezza in mare aperto
come la gioia in questo mondo
c’è un motivo per andare
e c’è un motivo per restare
come posso darti torto
ma per questo io ti dico
(e non lo dico solo io)
ti dico ama, ama fino in fondo
che non sei ancora morto
amico mio"

Il coro del miserere di Chieti, dedicato ai fratelli aquilani!

2 Aprile Tommy sempre nel nostro cuore